SEGUICI SU ...

Select Language

A Carnevale ….piovono Polpette... al sugo!!

Ancora qualche giorno e domani si conclude il Carnevale, il periodo più divertente dell’anno, e come prevede la tradizione si dovrebbe anche concludere con i bagordi a tavola. Il Martedì Grasso anticamente era la giornata in cui si dava fondo alle scorte di cibi “grassi” che si avevano in casa, per poi prepararsi al periodo di astinenza della Quaresima, che prende inizio proprio il mercoledì delle ceneri. Certo ormai le nostre abitudini sono andate via via modificandosi, non siamo così drastici, ma il martedì grasso rimane sempre il giorno in cui si mangia un piatto a base di carne.

A casa nostra non possono mancare le golosissime polpette, che fanno felici sia i bambini che gli adulti, siamo sicure che saranno presenti in tanti altre tavole salentine.  Pensate che questo piatto è legato anche ad una famosa maschera di uno dei più antichi Carnevali della nostra regione, chiamata “Lu Titoru” (Teodoro). La leggenda racconta che un giovane ragazzo appena tornato dal militare, chiese alla madre di preparargli un piatto di polpette. Era talmente affamato che le mangiò così di fretta una dopo l’altra,  che alla fine si affogò. Da bambine ci dicevano sempre mangiate le polpette piano piano, se no fate la fine de Lu Titoru. Noi la prendevamo a ridere pensando alla esilarante rappresentazione che puntualmente ogni anno si mette in scena durante la sfilata dei Carri di Gallipoli.  Se capitate in zona vi consigliamo di andare a vederla. Vi auguriamo di divertirvi e di mangiare tantissime polpette come se piovessero, ma con tanta calma per gustarvele bene!!

Ingredienti
500 gr di carne macinata mista (bovino-suino)
2 uova
100 gr di pangrattato
100 gr di formaggio pecorino o parmigiano
1 lt di salsa di pomodoro
prezzemolo q.b.
pepe e sale
1 bicchiere di vino bianco
olio e.v.o
1 spicchio piccolo di aglio

Per il ripieno delle polpette (facoltativo)
150 gr di mortadella 
150 gr di scamorza affumicata




1 - Ponete la carne macinata in un contenitore capiente, aggiungete le due uova intere e il prezzemolo tritato grossolanamente. Noi aggiungiamo anche un piccolo pezzettino di aglio tritato, insaporite con sale e pepe;


2 - Versate il pangrattato, il formaggio grattugiato e il vino e impastate il tutto; 


3 - Ottenete un impasto omogeneo e liscio;



4 - Prima di iniziare a formare le polpette, inumiditevi le mani, prelevate una parte di impasto e modellatelo sul palmo della mano facendo dei movimenti rotatori con entrambe le mani;


5 - Per darvi una variante gustosa delle polpette, abbiamo pensato di farne alcune classiche, e altre ripiene.
Tagliate le fette di scamorza in tanti piccoli dadini e affettate la mortadella;

6 - Prendete un pò di impasto e stendetelo sul palmo della mano, schiacciate bene al centro per formare un incavo;


7 - Riempite al centro con il formaggio e la mortadella e richiudete i bordi su se stessi, arrotolate bene e formate un sfera regolare;


8 - Le polpette sono pronte per la cottura. Quelle ripiene le riconoscerete per via della misura più grande, mentre le più piccole sono quelle classiche; 



9 - Riempite il fondo di una pentola con dell'olio e.v.o., quando sarà ben caldo fate soffriggere le polpette girandole da tutti i lati per sigillarle bene. Questo passaggio si può anche saltare, passando direttamente alla cottura nella salsa di pomodoro, ma ne risentirà un pochino il gusto e le polpette potrebbero aprirsi durante la cottura;


10 - Una volta ben dorate, toglietele dall'olio;


11 - Fatele asciugare su carta assorbente per eliminare i residui di olio;


12 - Nella stessa padella utilizzata per la frittura, quindi ricca di tutti i sapori, versate la salsa di pomodoro e portate a bollore. Quindi unite le polpette e procedete la cottura lentamente per circa 40 minuti. State attenti a non farle attaccare, in caso si asciugasse troppo il sugo aggiungete un goccino di acqua o eventualmente di latte;

13 - Ecco le polpette cotte al punto giusto; ...


Buon Martedì Grasso a tutti voi!



Buona Spizzicata! 


eccovi il logo del carnevale di Gallipoli direttamente ispirato dal nostro caro "Titoru"


5 commenti:

  1. Ciao, le polpette, un classico della cucina italiana e le vostre sono molto appetitose...Un bacione e viva Carnevale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero siamo felici ti piacciano! Le Polpette sono un must della nostra cucina! Baci Dany&Lety

      Elimina
  2. Ripiene con la mortazza? Sublimi!!
    Le posso provare anche dopo il carnevale? Io non sto molto attento al periodo di magro infatti la panza cresce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo caro le puoi mangiare sempre...anche noi non resistiamo :) E poi come si fa a cucinare e non assaggiare...i grandi Chef lo ripetono sempre. L'assaggio è fondamentale! Grazie per i complimenti. Baciii Dany&Lety

      Elimina
  3. Da voi qui imparo sempre più cose sulla mia terra di adozione: Lu Titoru non lo conoscevo!
    Le polpette sono il sogno di tutti, quelli di casa mia impazziscono letteralmente!
    Spariscono prima ancora di arrivare a tavola, anzi non sostano nemmeno un secondo dopo essere messe fuori dall'olio!
    La vostra ricetta e' golosissima :-)
    Buon Martedì Grasso! *_______*

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...