SEGUICI SU ...

Select Language

Insalata Belga Gratinata - Una bellissima storia di Integrazione

Ah la famosa insalata belga gratinata... ricetta tradizionale del paese di origine di questa cicoria bianca; ma per noi, è un piatto che al di là della sua bontà racchiude una storia... Infatti, questo piatto, per noi, non è altro che una metafora dell’integrazione positiva della comunità italiana in Belgio; quella che, negli anni '50 è stata “ingannata” dai politici, quella che serviva come “merce di scambio”. Una vita di sacrifici vissuta nell'ombra, sotto terra, nelle miniere di carbone… giornate lavorative che iniziavano alle 4 del mattino e si concludevano alle 18:00 quando fuori, era già buio ... Questa è la storia del coraggioso Nonno Luigi, che ogni giorno, tornava a casa ricoperto di carbone e di Nonna Crocifissa (detta "Rosa" per facilitare la pronuncia agli abitanti del suo paese di accoglienza), che si occupava dell’aspetto pratico di una famiglia numerosa con 4 figli. Trascorreva le sue giornate tra faccende domestiche, lavoretti di qua e di là per arrotondare e poter arrivare a fine mesi, cura dell’orto, del pollaio, gabbie di conigli ecc… Allora, era importante avere quanto più possibile a portata di mano per sfamare tutta la famiglia e spendere il meno possibile.

Dopo questa vita di duro lavoro, Nonno Luigi e Nonna Crocifissa hanno dedicato la loro vita da pensionati a curare ed educare i loro nipotini. Siamo tutti cresciuti tra polli e conigli, abbiamo da subito imparato a raccogliere nocciole e ciliegie dal giardino, ma il ricordo più vivido e chiaro che rimane stampato sulla nostra pelle, è quello della cantina dove la Nonna coltivava patate e insalata belga in vecchie vasche da bagno ... Non dimenticheremo mai questo odore di terra che riempiva le nostre narici di ragazzini e questo calore,  quasi soffocante, che ci avvolgeva quando ci avventuravamo nel sottosuolo della casa.
L’insalata belga (indivia) non fa parte della cultura gastronomica italiana eppure Nonna Crocifissa, attraverso i suoi amici del posto, ha imparato a conoscerla e cucinarla alla "Belga", cela va sans dire.
Facile capire che questa verdura bianco perlato è entrata nel nostro cuore e nella nostra vita naturalmente, ed è con grande emozione e grande piacere che condividiamo questo post con voi. Siamo convinte che i nostri connazionali del Bel Paese apprezzeranno questa squisita ricetta che ormai, fa parte della nostra storia di italiani immigrati. Assaggiare per credere: l’indivia è deliziosa in insalata ma meglio cotta che cruda, fidatevi!


*Ingredienti :
1kg 500 g di insalata belga (indivia)
15 à 20 fette di prosciutto cotto tagliate spesse
1 dado per brodo (vegetale o carne)
Sale & pepe
Formaggio grattugiato (emmental o formaggio filante)
*Per la besciamella
125 g de burro
125 g di Farina
125 ml di Liquido (latte o brodo)
Sale- pepe- noce moscata

*La Ricetta
1) Mondate l’insalata belga come di seguito : togliete le prime foglie esterne, tagliate la base e asportate il gambo che è un po’ amaro ;  



2) Lavatele;



3) Fate bollire la verdura in acqua bollente con un cucchiaio di sale e un dado per brodo. Una volta cotta, scolate la verdura per bene e se necessario, adagiatela pure su carta assorbente. Non buttate l’acqua di cottura della verdura, ci servirà per preparare una besciamella più leggera; 






4) Nel frattempo, prepariamo la besciamella : fate sciogliere il burro in una pentola, aggiungete la farina a pioggia sempre mescolando; infine, versatevi il brodo gradualmente e fate addensare. 


5) Aggiustate di sale e aromatizzate la salsa con il pepe e tanta noce moscata; 


6) Prendete una teglia e ricopritene il fondo con un pò di besciamella; 


7) Avvolgete ogni indivia con una fetta di prosciutto;



8) Disponetele nella teglia senza lasciare spazio tra una indivia e l’altra;


9) Coprite il tutto di besciamella;


e cospargete con formaggio grattugiato;


10) Cuocete in forno preriscaldato per circa 30 min a 180° C (forno ventilato) oppure 200° C (forno statico); 


11) Servite caldo accompagnandolo con del purè di patate. 






Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...